Kit videosorveglianza professionale

L’acquisto di un Kit videosorveglianza professionale può giovare a tutti coloro che hanno intenzione di proteggere la propria abitazione o un esercizio commerciale da scassi e rapine. Sul mercato troviamo decine di tipologie di prodotti. Sta all’utente scegliere quale Kit sia il più adatto per le proprie esigenze. Prima di effettuare l’acquisto, bisogna fare una disamina del posto che si desidera osservare, in questo modo ci si può orientare meglio sulla tipologia di telecamera da adoperare per la sicurezza.

Per esempio, chi ha bisogno di controllare un area esterna molto estesa, può optare per un Kit di videosorveglianza che utilizza telecamere wireless. Con la tecnologia wireless non vi è bisogno di effettuare collegamenti tra i dispositivi. Aggiungendo un ripetitore di segnale si può inoltre potenziare il segnale, evitando così eventuali sgranamenti dell’immagine.

Anche le telecamere che non adoperano la tecnologia wireless sono ottime. Alcune posseggono un illuminatore IR, che consente di vedere immagini nitide sia per le registrazioni diurne che per quelle notturne. Per quanto riguarda la conservazione delle registrazioni, è superata l’era del classico videoregistratore. Gli attuali kit di videosorveglianza professionale contengono un registratore DVR, che immagazzina le immagini ed i filmati su di un Harddisk interno.

Un registratore DVR può inoltre essere collegato in rete, consentendo così la visualizzazione dell’inquadratura anche su dispositivi mobili o su PC, da qualsiasi parte del mondo. Un altro punto a favore di un registratore DVR consiste nel poter cancellare le registazioni semplicemente premendo un tasto, e rispetto ai vecchi videoregistratori, non vi è alcun nastro che potrebbe rovinarsi. E’ quindi possibile effettuare registrazioni per un paio d’anni, tenendo alta la qualità dei fotogrammi.

Un altro elemento da non sottovalutare in un kit di videosorveglianza professionale è il monitor. Un monitor adatto per chi utilizza un sistema di videosorveglianza deve possedere la funzione PIP (picture in picture), ovvero la possibilità di visualizzare più di un inquadratura sullo stesso schermo. Generalmente si parla di quattro, o se necessario, fino a 8 inquadrature.

Un Kit di videosorveglianza base si può arricchire aggiungendo ulteriori elementi per la sicurezza. Tra questi elementi troviamo i classici sensori di movimento, i sensori anti-fumo o i sensori per la rottura del vetro. Se uno di questi sensori capta un movimento o un rumore, invia l’allarme alla centralina che in automatico effettua una chiamata verso i numeri registrati dall’utente. Alcune centraline di sicurezza permettono di registrare fino a 5 numeri di telefono, e garantiscono il funzionamento anche se sono stati tagliati i cavi telefonici.

I prezzi dei Kit di videosorveglianza professionale standard spaziano tra le 150 ed i 1000 Euro. Questi prezzi sono fortemente condizionati dalla qualità dei prodotti e dalle loro caratteristiche. Ovviamente, non ha senso acquistare un Kit wireless se poi non si ha l’intenzione o la necessità di poter visualizzare le immagini tramite rete. Allo stesso modo, non conviene effettuare l’installazione di un Kit via cavo se poi non si riesce a mettere al sicuro la parte esterna dell’edificio. Proprio per questo, è consigliabile acquistare un Kit su misura, che possegga tutte le caratteristiche necessarie per la sicurezza del proprio immobile – né più, né meno. Creando un Kit su misura, qualsiasi sia la cifra che si spende all’inizio, si garantisce la massima sicurezza, e soprattutto, la tranquillità.