Kit videosorveglianza wireless

Coloro che hanno intenzione di proteggere la propria abitazione utilizzando un sistema di videosorveglianza, devono prima decidere se acquistare un Kit di videosorveglianza wireless o un Kit tradizionale.

Il sistema wireless è indubbiamente più versatile rispetto al sistema tradizionale, poiché necessita della sola alimentazione (generalmente a 9 o 12 volts) e trasmette i dati captati dai sensori completamente senza fili. L’utente potrà quindi sistemare gli elementi che compongono il Kit in punti strategici, senza dover pensare a come collegarli tra di loro. Alcuni ricevitori wireless hanno una portata di oltre 200 metri, e sono perfetti da utilizzare per sorvegliare un area esterna. Per l’utilizzo all’interno di un locale grande, o per sorvegliare sia l’interno che l’esterno di un abitazione, si consiglia di acquistare anche un amplificatore o un ripetitore di segnale, visto che la portata indicata viene generalmente calcolata a campo aperto, senza quindi l’interferenza di ostacoli quali una parete o un mobile.

Un altro punto a favore di un kit videosorveglianza wireless consiste nel poter utilizzare un DVR (Digital Video Recorder) che immagazzina i fotogrammi registrati, e permette inoltre di poter visualizzare le registrazioni in tempo reale sul proprio cellulare o collegandosi con il tablet o con il computer. L’utente può anche scegliere di programmare il sistema in modo tale da ricevere ogni giorno un fotogramma alla stessa ora; l’invio del fotogramma avviene tramite e-mail.

Gli accessori da abbinare ad un Kit di videosorveglianza wireless sono molteplici. Tra questi troviamo oltre ai normali sensori di movimento anche i sensori “PET”. Si tratta di particolari sensori che non fanno scattare l’allarme se captano la presenza di un animale domestico. Per mettere al sicuro un’area delimitata da un muretto si possono installare dei sensori perimetrali, che proteggono perimetralmente tutta la lunghezza del muretto di cinta.

I sistemi tradizionali che non adottano la tecnologia wireless sono più affidabili, ma necessitano di essere installati da una persona competente. Come svantaggi troviamo però la difficoltà nel riuscire a collegare tutti i componenti, specialmente se l’installazione si estende anche all’esterno di un abitazione.

I Kit di videosorveglianza wireless hanno molti pregi, ma anche alcuni difetti. Se per esempio si scelgono prodotti di bassa qualità, potrebbe verificarsi un mancato funzionamento dell’impianto. E’ meglio affidarsi ad un tecnico che saprà indicare i prodotti migliori che compongono un buon Kit di videosorveglianza destinato a durare nel tempo.

Prima di acquistare un Kit per la videosorveglianza si consiglia di studiare bene la piantina dell’immobile che si vuole tutelare, posizionando a matita i sensori necessari all’interno ed all’esterno dell’abitazione. Oltre ai classici sensori di movimento ed alle telecamere incluse nel Kit, bisogna capire se si vuole ampliare il pacchetto acquistando alcuni sensori speciali quali per esempio il rilevatore di fumo, il rilevatore di movimento PET o un rilevatore per la rottura dei vetri. E’ importante riuscire ad avere subito un quadro della situazione chiaro per poter assemblare un sistema di videosorveglianza completo e funzionale, evitando l’acquisto di prodotti superflui o scegliendo meno elementi di quanti in realtà dovrebbero esserci per garantire un corretto funzionamento del sistema di videosorveglianza.