Monitor per le telecamere videosorveglianza

Quando si parla di scegliere un monitor per le telecamere videosorveglianza bisogna fare delle scelte di fondo che sono molto importanti. Queste non sempre dipendono da caratteristiche tecniche ma anche dal posizionamento, dal tipo di utilizzo e dal tipo di sistema di videosorveglianza che state utilizzando. Partiamo dall’uso del sistema: dipende molto dal tipo di videosorveglianza richiesta, dal fatto che ci siano persone ad osservare i monitor, e da quante telecamere devono essere presidiate.

Se le telecamere sono monitorate da persone, allora potrebbe essere importante avere un monitor grande che permetta di visionare un solo feed per volta, oppure addirittura un monitor per telecamere. La dimensione permette all’operatore di osservare le immagini nel dettaglio per capire immediatamente la situazione. Molto dipende anche dal posizionamento della postazione di controllo, dalle dimensioni dello spazio a disposizione. Questo tipo di sistemazione ha una buona dose di vantaggi e di svantaggi, il fatto di avere a disposizione molti monitor potrebbe essere una distrazione.

Mentre si potrebbe scegliere una soluzione che permetta di vedere su una sola schermata più telecamere contemporaneamente. In questo caso dovreste scegliere una centralina ed un monitor che vi permettano di visualizzare più feed contemporaneamente, con eventualmente la funzione di ingrandimento nel caso ci siano dei dettagli da visualizzare. Come in tutte le cose, la pianificazione e l’identificazione delle necessità è cruciale per la scelta del prodotto ideale per la vostra videosorveglianza.

Un altro discorso, nella scelta dei monitor per le telecamere videosorveglianza, è quello degli impianti domestici. Il mercato offre molte possibilità che vanno dai prodotti più economici a quelli più costosi. La radiofrequenza è una caratteristica importante, visto che abbassa i costi per l’installazione dell’impianto, togliendo la necessità della posa dei fili.

Un’altra caratteristica di cui tener conto è la definizione, visto che videsorveglianza significa che avrete bisogno di utilizzare il monitor per vedere le immagini registrate. Una scarsa definizione potrebbe impedirvi di cogliere dettagli importanti per identificare i soggetti che hanno avuto accesso alle aree coperte dal sistema di sicurezza. Ci sono monitor che sono costruiti per essere incassati a muro, oppure per stare su un tavolo o una scrivania. Ci sono in commercio staffe per fissarli e ci sono monitor di tutte le dimensioni. Molto dipende da quelle che sono le vostre necessità e dalle caratteristiche che cercate nel vostro sistema di telecamere.

Come detto, quello che vale per la scelta di un sistema di sicurezza, vale anche per la scelta dei monitor per le telecamere videosorveglianza. Dovete partire da quello di cui avrete bisogno adesso che state cercando un prodotto, pensando anche a ciò che potrebbe servire in futuro. Dovrete assicurarvi che il prodotto acquistato sia adatto all’utilizzo che dovrete farne e dovete farvi un sacco di domande su cosa realmente vi serve.

Questa serie di richieste vi permetterà oggi di prendere il sistema migliore per le vostre necessità ed in futuro di non dover spendere troppo per un aggiornamento del suddetto sistema. Provate a pensare se doveste controllare un’altra area con la conseguente aggiunta di ulteriori telecamere oppure se doveste spostare la centralina di controllo con i monitor oppure se doveste accedere in remoto ai feed delle telecamere.

Tutte queste sono possibilità che non potete escludere a priori al momento dell’acquisto e dell’installazione del prodotto, potrebbero accadere nel giro di qualche mese come non potrebbero accadere mai. Val la pena, però, di tenerne conto per non doversi un domani pentire per un acquisto sbagliato ed una spesa doppia.